Questo sito utilizza cookie per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Cliccando su "Ok, ho capito!" acconsenti all'uso dei cookie e puoi proseguire con la navigazione. Per informazioni sui cookie e su come bloccarli clicca su "Maggiori informazioni".

AL NON E L’ANVUDEINA BIRICHEINA"

L’etar dè l’è vgnò la mi anvudeina e l’am dis:“ciao nonnino”….  mi chiama nonnino proprio lei che la né gnanc la mi metè! Dimmi Maria… “ma nonnino lo sai che mi chiamo Mari Sol”.... va bain listass…. Maria o Mari Sol al n’è brisa prezis?“Sì nonnino”…. oh quand la taca acsè vol dir c’là bisàgn ed quel… ed solit quatrein! Sai che mi sono fidanzata con con Maicol?”…. Ma cus’ela sta manì ed dèr  di nòm stranir ai fiù?.... Maicol? An l’è mei Michele?? A l’anvoud d’un mi amig han dato il nome Leon…. a voi vadàr  fra un soquant ann se sarà un “leone” o una pecorella smarrita!... ai manca soul  che li chiamino “uno, due, tre” ( a otto o dieci ci si arrivava solo ai miei tempi), oh mi pèdar i èran in òng fiù! I psevan fèr una suqadra di calcio!      

Vai avanti, Ti ascolto….  “Maicol è un bravo ragazzo, ha la testa sulle spalle”,  a vrev vadàr… ed sòlit l’è invàtta al spall !!" Dai nonnino, non scherzare”…. Allora sputa il rospo, an pòs megga stèr què tott al dè!  Devo andare a giocare a briscola col mi amig Jusfein!...  “dicevo, stavamo andando in giro in moto e abbiamo preso una buca e così patatrac, siamo ruzzolati per terra”…. Vi siete fatti male?  “No! ma la moto è ridotta male!” meglio la moto che voi, non credi?... “sì, però ci vogliono parecchi quattrini per aggiustarla!  Il maubrio s’è storto, la pedaliera rotta, il tubo di scappamento”… azzidànt a cl’la busa!!,  mo, a quanto andavate?..  “ piano, pianino”  Sé,  ai 90 o 100 e di notte in giro per camporella;  a’jò capè!  Debbo mettere mano al portafoglio… “ nonnino sei un tesoro!”.  Sé, ti come to mèdar, una bela rufièna… ma ti tante careina e bòna che at voj un bàn dal  anma… senti, facciamo una cosa, fai portare la moto dal mi amig Zisarèin, cl’è un brev mecanic e poi ci penserò io a mettermi d’accordo, può darsi che riesca a cavarmela  con un grosso sconto, o addirittura gratis! Al farò venzàr  al bigliardo che è una schiappa… ma in fatto di moto è formidabile, lo volevano alla Ducati… in officina ha ancora appeso un quadretto con la proposta di assunzione … oh! capessum bàn, l’è come dir la Ferrari!   Comunque te, cara Maria Sole, caso mai mi dovrai rimborsare a rate dalla tua paghetta, et capé?…. un poc tott i mis.  Ma tanto lo so bene come andrà a finire… un abbraccio, un bacino ed io mi sciolgo! et finè?  “Nonno, mi puoi dare un consiglio?”…  Oh, questa l’è béla! Adesso che ha ottenuto quello che voleva, l’am dis nonno e non nonnino”… ma va bàin listass! 

“Maicol è educato,  gentile” … a vrèv anc vadàr… “studia,  fa il secondo anno di astronomia” …  Bella facoltà la gastronomia,  mi piace molto!  “ma no!  ho detto astronomia!”.  Debbo essere un po’ sordo…. Ah! È per questo che ha la testa fra le nuvole, spezialmant  quand andè a fèr l’amour… di bàin piotòst,  c’al guerda la strè quand al guida la moto!  Ai miei tempi mè avèva soul la biziclàtta, e mi pèdar un muturein tott scassè!... altrimenti c’era il cavallo di San Francesco!...   “Ma nonno non me l’avevi mai detto che avevate un cavallo!”…  Sè, al caval ed San Franzasc, c’al vol dir, se non hai i mezzi vai a piedi, pedibus calcantibus, al dsèva mi nòn che si vantava di parlare latino perché per tanti anni aveva fatto il chierichetto à la cisa d’la Bèvrèra!   

Comunque se Michele, oh mi piace chiamarlo così, vuole imparare un mestiere e prendere qualche quattrino prima di laurearsi, sempre che ci riesca, forse a quarant’anni… oh,  dopo un lustro è ancora al secondo anno! … se continua così  non avrò il piacere di venire alla festa di Laura… ah sé! as dis laurea?... che vada pure a mio nome dal mi amig  mecanic….  Vedrai che lo metterà subito a smanettare.   “Nonno, ascoltami, è una cosa personale, ma non dirlo alla mamma che si arrabbia… di te mi fido”,    dim pur fangeina, se sono in grado!  “Tu che hai esperienza (la vòl  po dir, tu che sei vecchio)… Maicol ha un difetto…. Si scaccola il naso”… Dabòn?,  “sì sì”…  No problem, come dite voi giovani… che si metta dei guanti o al massimo se sta mangiando la butti nella minestra!.... tant qual c’n’amàza l’ingràsa!, tua nonna ultimamente nel brodo ci mette la gallina tutta intera con frattaglie e tutto il resto,  e al né mai mort incìon!!   Adess et finè?...  “No nonnino, ma mi raccomando, acqua in bocca”…  Mo vùt dscorrer sé o no??...  “volevo dire, quando io e Maicol  facciamo l’amore”,  perché ce ne sono altri?   “No assolutamente”,  Bene!   “ci piace farlo come selvaggi, con grida e urla e Maicol  si lancia come Tarzan nella giungla… ma delle volte ho paura!....  Mo cussa vut c’al sèppa! Anche io e tua nonna lo facevamo…. ma senza urla e strepiti, qualche gemito, sospiro, altrimenti svegliavamo tutta la casa! Poi io mi tuffavo da uno sgabello e tua nonna mi aspettava trepidante, ma un bèl dè abbiamo dovuto smettere….  “ Ma perché?” ….  Una sera alle otto, eravamo già a letto, sai si risparmiava la luce elettrica, e poi non c’era la televisione… sarà come non sarà… tua nonna si è un poco spostata o forse avevo bevuto qualche cicchetto di troppo, così non ho preso bene la mira e mi sono spataccato pesantemente sul bandone di ferro del letto e son caduto giù.                                                                  

Sai allora i letti erano molto alti, brisa come qui d’al dè d’incù che toccano quasi per terra!   Bàin, a j’ho quizè al gat e mi sono procurato escoriazioni, nizzi, una gran botta al ginocchio, am fa ancoura mèl,  e lussazione al gomito! Pensa che gli amici mi dicevano “ it vulè zò dal balcòn l’la Rosina? che si concede anche al  mattino?  e che stava al secondo piano, ma per fortuna sotto c’era il giardino.    “Ah, mo guarda un po’, allora nonno anche tu eri un bel birichino!”  Ma no, chera anvudèina!  solo per sentito dire!! Comunque ricordati sempre di seguire i saggi consigli del nonno che forse ha ancora del sale e pepe in zucca!!  

At vòi tant bàin, cara nipotina bella…..   e come diceva il grande cantastorie Piazza Marino, poeta contadino… toc e dai la zirudella.

Fiumi  Mauro, Aprile  2018