Questo sito utilizza cookie per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Cliccando su "Ok, ho capito!" acconsenti all'uso dei cookie e puoi proseguire con la navigazione. Per informazioni sui cookie e su come bloccarli clicca su "Maggiori informazioni".

alt
alt

In quel del Piacentino

Dice il proverbio, aprile dolce dormire, ma noi gitanti un poco attempati,

la domenica del 22 presto ci siam alzati;

ed alle sette, nella piazza del municipio,

pronti sul bus,… e la nostra gita ha principio.

Ci ragguaglia Miriam sul percorso;

e sulle iniziative della Pro Loco fa’ un bel discorso;

quindi veloci in viaggio verso le terre del “Piacentino”,

e in autogrill , facciamo una breve sosta per un caffè, brios, o cappuccino;

intanto il compleanno di Oriano festeggiam all’aria aperta,

con una deliziosa torta di mele da lui offerta.

A Piacenza arrivati,

…una guida ci ha accompagnati,

una breve lezione su Palazzo Farnese e sulla sua arte,

poi in fila, come cinesini, si parte,

il Duomo , San Francesco e piazza dei Cavalli possiam ammirare,

e il mezzodì a Castell’Arquato per pranzare;

col buon vin “ La Bonarda”… a Graziella e Corrado auguriam “Buon Compleanno”

salute, e lontani da ogni affanno.

All’Abbazia di Chiaravalle aspetta un Monaco simpatico e loquace ,

alla chiesa , al chiostro ci porta in visita,….. per nulla fugace;

illustra la regola dei Benedettini “Ora et Labora” e l’architettura del convento….

Fra Terenzio” è un vero portento;

e dopo aver acquistato tisane, infusi, caramelle e qualche ricordino,

Miriam ci ricorda di rimetterci in cammino.

Per la merenda sostiamo nel salumificio,

… per la dieta…un ottimo beneficio;

coppa, strolghino, pancetta, salame e culatello,

e qualche bicchierin di vino…… ora ci sembra tutto molto più bello.

Arriviamo infine a Vigoleno…. e per entrar nel castello ….

paghiamo il solito balzello;

su per strette e ripide scale attenti saliamo…. poi camminiam sulle mura di cinta, nelle stanze dei nobili signori: arredi preziosi, quadri, tappeti, arazzi , statue, reperti, armi antiche, arnesi da tortura,vesti dell’epoca, teatrino, sala del biliardo; e ancor più su in cima all’alto Mastio….. un vento freddo ci accoglie impreparati ,

ma…i sottostanti tetti del Borgo, la chiesa di San Giorgio, l’Oratorio, la Fontana, la verde valle dello Stirone….. dal loro mistero e bellezza rimaniam incantati;

scattiamo alcune foto agli eroici ed infreddoliti temerari,

e… subito… partiam per rispettare gli orari.

Loretta, nel ritorno,… ci svela della torta la sua ricetta, però la scriviamo,… incompleta, e senza fretta; poi un ilare duetto, barzellette e zirudelle ci accompagnano per la via, facendoci stare tutti in allegria.

Poco più tardi del previsto,… a Zola siam rincasati, alcuni forse un po’ stanchi….. ma tutti felici e ben acculturati. Proprio, una giornata piacevole e bella; toc e dai la zirudella.

Fiumi Mauro             Aprile 2012

alt
alt