Questo sito utilizza cookie per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Cliccando su "Ok, ho capito!" acconsenti all'uso dei cookie e puoi proseguire con la navigazione. Per informazioni sui cookie e su come bloccarli clicca su "Maggiori informazioni".

“ODE ALLA MORTADELLA”

A voj dir na Zirudèla….

Ed cossa a scriv?.....   Mo azzidoll !! D’la Murtadèla!

Murtadèla Murtadèla,   tante bòna, tante bèla;

Int’al zil d’la bèla Zola,   Te t’sbrillocc come una strela.

Sia Bulgnis che furastir,    Par tè polen impazzir…. 

Am immazin al parfamm,

Ch’i da essr in Paradis…. Sain sicur che al to udaur   A quel.. lè,  seppa prezis !!

I Ruman l’inventenn !  L’è la puraveritè.

E, int’el Civico Museo,   A psi dscruver al parché.

I studius j’han dsquert na lapid,   cfò la tòmba d’un mazlèer, 

con sculpè,  soquant ninein,  Una vsiga e un bel Murtèl.

In latèn l’éra mortatum, da lè al nomme e Murtadèla! 

La regeina di salomm.  Vanto ed Zola onnica e speziel.

A la psi guster conn vli…  Ma al sistema Petronian,

L’è magnàren soquanti fatti  Compagnè con dal bòn pan.

S’a vli fèr po festa granda, Tirè al còll a un Pignoletto,

ch’è quel vino benedetto,  altro vanto della zona,

qui tra i vini il più perfetto.  

Cari amigh tott que cunvgnò,

Par fèr festa un cheplavour,  un regalo degli Dei…

Un panino??  L’è tropp poch!... Ce ne vogliono almen sei!

 Livè i caliz col Duttour….  Con sta bèla compagni…

Che la vètta è  tante bèla,

Tott insamm gridan feliz…..

Toch e daj la MURTADELA.

 

Zirudella gentilmente donata alla Pro Loco di Zola Predosa da Alessandro Mandrioli (Il Dottor Balanzone) in occasione della XII edizione di “Mortadella Please” 2018” (tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza autorizzazione dell’autore)