Questo sito utilizza cookie per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Cliccando su "Ok, ho capito!" acconsenti all'uso dei cookie e puoi proseguire con la navigazione. Per informazioni sui cookie e su come bloccarli clicca su "Maggiori informazioni".

alt

In Romagna - Il 27 marzo

Messe avanti le lancette e pigramente alzati,

nella piazza di Zola domenica mattina ci siam trovati;

in cinquanta, non più giovanissimi, ma ancor baldanzosi e temprati…..

avremo così l’occasione di essere ben acculturati;

in bus partiamo allegri per una giornata al mare

ed i mosaici ravennati visitare.

Alle nove arrivati,

una giovin guida tra i monumenti con bravura ci ha subito accompagnati.

L’Ariano Battistero, di splendidi e luminosi mosaici decorato,

fu da Teodorico, re dei Goti, edificato;

uno sguardo passeggero a storici palazzi ed alla tomba di Dante presto arriviamo,

così pur noi, il Sommo Vate onoriamo;

qui, tutti gli anni i Fiorentini porton l’olio alla perenne lampada votiva,

ma la loro redenzione, per l’antico affronto al poeta, è ormai tardiva;

in seguito, il Mausoleo di Teodorico, poi l’imponente Basilica di Sant’Apollinare,

e al suo interno un manto di mosaici policromi, possiam ammirare.

Con un’olezzosa, fresca, brezza marina, ed un invitante profumino,

alle tredici a Cervia, verso il ristorante, ci siam messi in cammino;

qualcun per dieta qualche portata saltava,

qualche altro, alle signore, rose profumate regalava;

Gianni intanto “Happy Birthday to you” con possente voce ha intonato

e da noi tutti Auguri ed un caloroso applauso a Verano, alla Carla, a Giuseppe ed a Vito vien dedicato.

Nel pomeriggio si va a visitare il museo del “dolce sale,

“l’oro bianco del mare”

e chi invece vuol spendere qualche quattrino,

i prodotti di questa “solatia terra” compra al mercatino.

Nel ritorno, con barzellette e di Mauro una zirudella, abbiam trascorso il tempo in compagnia,

giocando a carte o chiacchierando in allegria.

La Pro Loco, un pensierin “musical salato” a tutti offriva,

che ognun di noi assai gradiva.

Sul far della sera, al domestico paese, felicemente ritornati,

con un bel ricordo ed un abbraccio ci siam lasciati.

Aspettiamo ora con brama, un’altra gita, sempre speciale e bella,

toc e dai la zirudella.

Fiumi Mauro, Marzo 2011