Questo sito utilizza cookie per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Cliccando su "Ok, ho capito!" acconsenti all'uso dei cookie e puoi proseguire con la navigazione. Per informazioni sui cookie e su come bloccarli clicca su "Maggiori informazioni".

I gessaroli

L’estrazione avveniva tramite cunei in legno conficcati nelle fessure naturali della roccia e successivamente gonfiati d’acqua fino a provocarne il distacco.

La pietra veniva poi frantumata con utensili metallici e poi cotta a temperature intorno ai 140 C in forni rudimentali, basati sul sistema costruttivo della volta, formata da conci di pietra, sotto la quale veniva allestito un fuoco.

Terminata la cottura i blocchi erano poi macinati finemente per ottenere il gesso in polvere. Le tecniche di estrazione e di produzione hanno subito, nei secoli, radicali miglioramenti e permettono oggi di ottenere un prodotto estremamente controllato ed economico, molto apprezzato dal mercato. Negli stabilimenti della Gessi Emiliani è possibile ammirare l’efficacia dei moderni procedimenti industriali e il lavoro coordinato dagli operai, in molti casi figli di “gessaroli”.